Hans Peter Stihl compie 90 anni

Hans Peter Stihl compie 90 anni

Hans Peter Stihl festeggerà il suo 90° compleanno il 18 aprile 2022. I suoi 36 anni alla guida dell'azienda e i suoi 10 anni nel ruolo di Presidente del Consiglio di Amministrazione e del Consiglio di Vigilanza di STIHL hanno lasciato un'impronta duratura nell'azienda di famiglia. Il successo dello sviluppo del gruppo STIHL può essere attribuito in gran parte alla sua influenza imprenditoriale. Inoltre, il brand Stihl è legato indissolubilmente alla storia della Germania moderna grazie alla sua enorme dedizione alle cause caritatevoli e al mantenimento di posizioni onorarie. Il suo 90° compleanno sarà l'occasione per celebrare un percorso di vita straordinario e, per molti aspetti, formativo in compagnia della sua famiglia. Oggi, Stihl rimane socio generale della STIHL Holding AG & Co. KG e Presidente onorario dei Consigli di Amministrazione e di Sorveglianza di STIHL. 

Forte crescita e internazionalizzazione
Hans Peter Stihl entrò nell'azienda fondata da suo padre Andreas Stihl nel 1960 e presto assunse la responsabilità della produzione e della progettazione. Dopo la scomparsa del padre nel 1973, divenne l'unico socio generale. All'epoca, l'azienda occupava 2.500 persone e generava un fatturato annuo di 220 milioni di marchi tedeschi. Sotto la sua guida, l'azienda a conduzione familiare si trasformò in un gruppo internazionale di aziende con una linea di prodotti in costante espansione e siti produttivi in Germania, Stati Uniti, Brasile, Svizzera, Austria, Cina e nelle Filippine. Nel 2002, Stihl e gli azionisti di famiglia si ritirarono dalle operazioni commerciali di STIHL e fu nominato un Consiglio di Amministrazione di cui non facevano parte membri della famiglia Stihl. Nel 2020, il gruppo STIHL occupava circa 18.200 persone e generava un fatturato annuo di 4,58 miliardi di euro. STIHL distribuisce i suoi prodotti in oltre 160 Paesi attraverso una rete globale di 41 società di vendita e marketing di proprietà STIHL, 120 importatori indipendenti e circa 54.000 rivenditori autorizzati.

Un forte senso di responsabilità verso i dipendenti
Hans Peter Stihl ha sempre sentito un obbligo speciale verso i suoi dipendenti. "La nostra azienda familiare ha una lunga tradizione nel permettere ai dipendenti di beneficiare del nostro successo sotto forma di diritti di partecipazione agli utili, bonus annuali legati alle prestazioni e piani pensionistici aziendali", spiega Stihl. "I buoni rapporti personali all'interno dell'azienda sono molto importanti per me e sono sempre stati fondamentali". I dipendenti che hanno lavorato nell'azienda per 25, 40 o 50 anni celebrano i loro anniversari di lavoro con parenti, supervisori, colleghi, la direzione e la famiglia Stihl. Anche le feste dedicate al personale, gli anniversari aziendali e le funzioni per i pensionamenti hanno una lunga storia nell'azienda. Ancora oggi la filosofia aziendale di Stihl è di forte impatto. Durante la pandemia, l'azienda ha dato accesso ai servizi di vaccinazione e alle infrastrutture mediche finanziate da STIHL ai dipendenti, alle loro famiglie e al pubblico in generale.


Molti anni di cariche onorarie
Oltre alle sue attività commerciali, Hans Peter Stihl è sempre stato molto attivo nelle posizioni onorarie. Dal 1988 al 2001, è stato presidente dell'Associazione delle Camere dell'Industria e del Commercio tedesche (DIHK). Come convinto sostenitore dell'economia sociale di mercato, continua a considerare una buona governance come principio guida della politica economica. Stihl ha chiesto sussidi più bassi, una riforma fiscale e un sistema di previdenza sociale demograficamente solido. Durante la sua presidenza della DIHK, Stihl si è mosso a favore di una forte autogestione delle imprese e ha notevolmente ampliato la rete mondiale delle camere di commercio bilaterali dopo la caduta della Cortina di Ferro.

Quando Stihl si è dimesso dalle sue alte cariche alla DIHK nel febbraio 2001, è stato nominato presidente onorario dell'organizzazione e della Camera dell'Industria e del Commercio di Stoccarda, di cui era stato presidente dal 1989 al 2001. È stato membro del consiglio della Federazione dell'industria metallurgica del Baden-Württemberg dal 1973 al 1988, servendo gli ultimi otto anni di quel periodo come presidente. Contemporaneamente, è stato anche vicepresidente della Federazione delle associazioni tedesche dei datori di lavoro dell'industria metallurgica ed elettrica. Fino al 2019, Hans Peter Stihl ha rappresentato la Repubblica di Singapore presso la sede dell'azienda a Waiblingen come Console Generale Onorario nei Land tedeschi Baden-Württemberg, Hesse, Renania Palatinato e Saarland.

Attività di supervisione e consulenza al di fuori di STIHL
Oltre ai suoi impegni professionali e onorari, Hans Peter Stihl è stato consulente e ha fatto parte di numerosi consigli di sorveglianza di aziende come IBM Deutschland GmbH, Südwestbank AG e IKB Industriebank AG. Da giugno 1995 a metà del 2006, Stihl è stato partner di Robert Bosch Industrietreuhand KG a Stoccarda. È stato secondo vice presidente del consiglio di amministrazione della Landesgirokasse di Stoccarda dal 1995 al 1997, dopo essere stato in precedenza presidente del consiglio di amministrazione per otto anni. Ha fatto parte del comitato consultivo congiunto delle società Allianz a Monaco dal 1988 al 2003 ed è stato membro del comitato consultivo centrale della Deutsche Bank a Francoforte sul Meno.

Numerosi premi
Nel 1982, Hans Peter Stihl è stato insignito dell'Ordine al Merito di 1° Classe della Repubblica Federale di Germania. Ha ricevuto il Grande Ordine al Merito nel 1992 e il Grande Ordine al Merito con Stella nel 2002. Stihl è portatore della Grande Medaglia d'Oro d'Onore con Stella della Repubblica d'Austria. La Camera dell'Industria e del Commercio di Stoccarda gli ha conferito il premio Merkur nel 1997, mentre il Forum Regionale di Stoccarda gli ha assegnato il premio "Regionaut" nel 2001 per i suoi servizi alla regione di Stoccarda. Nel 2003, ha ricevuto il premio Hanns Martin Schleyer per il suo lavoro nel rafforzare e promuovere i principi di una società libera. L'11 novembre 2009, ha ricevuto Eva Mayr-Stihl insieme a sua sorella il premio per l'economia sociale di mercato della Fondazione Konrad Adenauer nella chiesa di San Paolo a Francoforte sul Meno. Nel 2012 ha accettato la medaglia Diesel per il "Best Innovative Achievement" a nome di tutto il team di sviluppo STIHL e per il proprio lavoro. I suoi premi più recenti includono la Medaglia Reinhold Maier nel 2018 per i suoi servizi al liberalismo e il Premio Aachen Engineering nel 2019 come riconoscimento per il suo "lavoro di una vita, che ha combinato l'innovazione ingegneristica con il successo economico e l'impegno sociale a lungo termine". 

Un novantenne attivo e presente 
Nonostante i suoi 90 anni, Hans Peter Stihl è ancora presente nella sede centrale dell'azienda a Waiblingen e segue con attenzione l'andamento del business globale e lo sviluppo degli ultimi prodotti. Il tour annuale del dipartimento di sviluppo non può aver luogo senza Stihl, che testa anche i nuovi prodotti. Nelle sedi mondiali dell'azienda, il quasi nonagenario è un ospite gradito la cui competenza è apprezzata anche al di fuori del mondo STIHL. Quest'anno, per esempio, Stihl ha partecipato all'assemblea federale alla Paul Löbe House di Berlino per l'elezione del presidente tedesco.

Per Stihl è essenziale che l'azienda rimanga di proprietà dei discendenti del fondatore: "Nel nostro settore oggi, STIHL ha l'unico punto di forza di essere completamente di proprietà della nostra famiglia fin dalla sua fondazione 96 anni fa. E rimaniamo un'azienda a conduzione familiare. Questo ci mette in una posizione di notevole forza e ci permette di perseguire strategie a lungo termine". Stihl festeggerà il suo 90° compleanno con la sua famiglia il lunedì di Pasqua.